Gli irrinunciabili del Gentleman

Scrivere sul tema degli accessori indispensabili per un Gentiluomo può essere un compito estremamente delicato , e urge la brutale premessa che si, noi crediamo che la categoria dei gentiluomini, per quanto soggetti per loro natura refrattari alle etichette e alle classificazioni forzose, esista.

E con la stessa brutale leggerezza ci rendiamo la vita più semplice spostando la nostra attenzione su un sottoinsieme della categoria dei gentiluomini, che è quello degli uomini eleganti.

La categoria degli uomini eleganti è a sua volta una categoria meravigliosamente variegata  e degna di essere raccontata nelle sue ricchissime sfumature, e forse proprio per questo una trattazione sintetica è possibile solo attraverso la categoria dell’indispensabile, come dire il minimo comune multiplo degli accessori.

L’uomo elegante ambisce a distinguersi , ad esprimere la propria personalità attraverso l’abbigliamento e gli accessori. Ma tale distinzione in genere non è urlata o troppo evidente.  Al contrario è ricercata la cosiddetta sprezzatura, che nella versione più  semplice consiste nell’essere eleganti quasi per caso, senza apparente sforzo.

Allora l’uomo elegante tenderà a vestirsi in modo quasi conformista a prima vista. Avrà di certo un abito di ottimo taglio, possibilmente sartoriale dove la firma del sarto sarà un dettaglio insignificante per la maggioranza dei suoi simili. E una candida camicia biancacon le iniziali ricamate a mano.  Ma saranno gli accessori a rivelare con certezza  la sua appartenenza alla categoria degli uomini eleganti.



La cravatta sarà probabilmente l’accessorio più curato, la cui scelta sarà costata una deliziosa manciata di minuti al mattino, anche se poi l’abito è quasi sempre grigio o blu. Già il solo tema della scelta della cravatta meriterebbe un intero libro in realtà.

Ma parlando in questa sede di accessori irrinunciabili allora probabilmente dobbiamo citare almeno un paio di macro categorie: la settepieghe in seta stampata e la cravatta in seta tricot tinta unita. La prima potrebbe essere una classica Marinella a sfondo blu con piccoli disegni floreali o geometrici o addirittura la iperclassica puntaspilli.


La seconda, rigorosamente fatta a mano da maestri artigiani come Petronius 1926, potrebbe essere di un colore “eccentrico” rispetto al solito blu (ma anche quella blu è pressochè un pezzo indispensabile, anzi se si coprono le diverse tonalità di blu si ottiene una dotazione molto rassicurante) e quindi si può optare per un bel giallo o una tonalità di rosso.


L’altro accessorio indispensabile (in questo caso letteralmente) al quale l’uomo elegante dedicherà molta attenzione è la scarpa. L’uomo elegante in genere ha la scarpa giusta per ogni occasione, e forse questo è l’aspetto indispensabile in tema di calzature. Mischiare e contaminare va bene fino ad un certo punto. La scarpa in vitello liscio nero è decisamente un must.



Arriverà ad indossare una Oxford nera lavorazione Good-year con un morbido jeans per le occasioni meno formali ma difficilmente indosserà un abito con una sneaker. Anche in questo caso i dettagli sono fortemente rivelatori. Un indizio: il laccio piatto cerato in tinta e la suola rigorosamente in cuoio.



Accessorio con grandissimo ascendente tra gli uomini eleganti e’ il gemello da polso. Insieme all’orologio è l’unico gioiello che l’uomo elegante si concede senza parsimonia. Però mentre nel primo caso per puro understatement è sempre più frequente l’utilizzo di orologi preferiti per la funzione più che per il valore e lo status di gioiello (che l’uomo elegante è pur sempre un uomo contemporaneo che ama la tecnologia) nel caso dei gemelli si sente libero di usare i gemelli in argento o altri metalli rari e preziosi magari regalo del nonno o del padre. E in questo senso il massimo dell’eleganza è senza dubbio il gemello in argento con le iniziali, come quelli proposti da Davide Solazzi, tutti fatti a mano secondo la sapiente tradizione orafa italiana.


Altro accessorio ormai irrinunciabile sono gli occhiali da sole, neri o tartarugati dalla forma rassicurante ma con un pizzico di personalità, in ossequio alla premessa sull’eleganza discreta. L’uomo elegante come per le scarpe può averne uno per ogni occasione. E in genere questo è uno degli accessori sui quali si scatena l’istinto del collezionista e una volta trovata la forma giusta l’uomo elegante tende a collezionare tutti i colori disponibili. E forse siamo vicini alla stagione del bespoke anche per gli occhiali.



Per le stagioni meno soleggiate è invece l’ombrello l’accessorio che più di ogni altro distingue l’uomo elegante e amante delle belle cose. L’indispensabile è l’ombrello in legno sia in formato regolare che in formato da viaggio in tonalità scure come il blu , il nero o il verde scuro. Ma anche in questo caso l’istinto dell’uomo elegante può inclinare verso una fantasia discreta e poco appariscente. L’ombrello sarà sempre rigorosamente fatto a mano, come quelli esclusivi di Francesco Maglia.