Cura della calzatura

1.    Non indossare mai lo stesso paio di scarpe per due giorni consecutivi.

2.    Una volta sfilate le scarpe, inserire subito al loro interno i tendiscarpe in legno.

3.    Quando le scarpe sono bagnate, inserire i tendiscarpe, lasciare asciugare per due giorni poi nutrire con cera per calzature.



4.    Per infilare la calzatura bisogna sempre utilizzare un calzascarpe in legno.

5.    Ogni giorno le scarpe vanno spolverate, nutrite con un leggero strato di cera per calzature e deodorate settimanalmente.
 


6.    Per le scarpe in nubuk e camoscio: spazzolare, lavare con shampoo e spugna marina naturale e spruzzare il ravvivante.


7.    Nel cambio di stagione: sostituire i lacci vecchi con i nuovi, inserire i tendiscarpe in legno, spalmare la cera per calzature, riporre nel sacchetto in cotone e conservare dentro la scatola in legno


COME PULIRE LE SCARPE IN PELLE

Per curare la scarpa in vitello, spolverare con una spazzola pulita, stendere uniformemente un velo di crema per calzature con lo spandi lucido su tutta la scarpa suola e tacco compresi e lasciare asciugare per circa un’ora. Con la spazzola in crine di cavallo passare uniformemente su tutta la superficie ed infine lucidare con il guanto in pile e cotone.




COME PULIRE LE SCARPE IN CAMOSCIO

La pelle delle calzatura è come un tessuto, va mantenuto pulito e smacchiato rapidamente.
Per il trattamento della macchia bisogna togliere la polvere depositata con una spazzola in setola dura. Passare la spugna naturale marina imbevuta di shampoo neutro direttamente sulla macchia e lasciare agire. Una volta che il prodotto ha fatto effetto sulla macchia, spandere delicatamente lo shampoo con la spugna su tutta la scarpa. Quando la scarpa è perfettamente asciutta, pettinare la pelle con la spazzola in para naturale ed infine spruzzare uniformemente il ravvivante- impermeabilizzante. Lasciare asciugare per circa un’ora.